Istat gonfia gli occupati

Così l’Istat gonfia gli occupati

Facciamo chiarezza sui numeri del lavoro perché le polemiche anche di queste ore sono francamente ridicole. A chi nei giorni scorsi gli faceva notare il numero dei disoccupati è aumentato ancora, Matteo Renzi scodellava il numero degli occupati elaborato dall’Istat: Da quando noi siamo al governo del Paese (febbraio 2014) i posti di lavoro sono aumentati di 455 mila unità – ha puntualizzato – 455 mila posti di lavoro in più, di cui 390 mila circa a tempo indeterminato. Questi sono numeri, non discorsi. Fatti, non parole.

I numeri del’Istat, però, hanno fatto storcere il naso a molti. Tanto che Claudio Pellegrini ha chiesto all’ente di statistica chiarimenti sulla classificazione delle prestazioni di lavoro: Vorrei sapere come effettuate le statistiche io lavoro con un voucher da 8 ore al mese cosa sono occupato o disoccupato?. La replica dell’Istat è arrivata a stretto giro: È consideratooccupato se nella settimana di riferimento dell’indagine ha lavorato almeno un’ora, confronta il Glossario.

@claudio301065 è considerato occupato se nella settimana di riferimento dell’indagine ha lavorato almeno un’ora, cfr Glossario

Il tweet dell’Istat ha scatenato un putiferio in rete. Ora capite perché ‘grazie al Jobs Actaumentano gli occupati’?, hanno tuonato i più sbertucciando il premier che dopo ogni rilevazione dell’ente di statistica corre a omaggiare la riforma del mercato del lavoro. Possiamo e dobbiamo fare meglio – twittava Renzi due giorni fa – ma recuperare quasi mezzo milione di posti di lavoro in due anni è stato possibile solo e soltanto grazie al JobsAct. Lo stesso giorno anche il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, brindava ai dati Istat che, a suo dire, confermano un quadro positivo in cui si registra anche un maggiore fiducia per le prospettive del mercato del lavoro.

Messi sotto pressione sui social, gli analisti dell’Istat hanno provato a mettere una pezza alla figuraccia fatta spegando che si rifanno agli standard condivisi a livello internazionale. E hanno pubblicato la definizione di occupati: Coloro che hanno dai 15 anni in poi che nella settimana di riferimento: hanno svolto almeno un’ora di lavoro in una qualsiasi attività che preveda un corrispettivo monetario o in natura; hanno svolto almeno un’ora di lavoro non retribuito nella ditta di un familiare nella quale collaborano abitualmente; sono assenti da lavoro (per ferie o malattia, per es.).

Un chiarimento sulla definizione di occupato pic.twitter.com/BCcvDFQztH

Rileggere i dati dell’Istat alla luce della definizione di occupato, fa ricredere sullo stato di salute del sistema Italia, ridimensiona i benefici del Jobs act e dovrebbe ridimensionare pure l’ottimismo di Renzi.

da Il Giornale Sergio Rame

rate

Rispondi

More 67 posts in world's news category
Recommended for you
Tragedia in Puglia, incidente ferroviario tra Andria e Corato: almeno 27 morti. Istituito un pool di indagine

  Ci si chiede spesso se certe tragedie si potevano evitare  e di solito la...