1

Battlefield 2042

Battlefield 2042 uscita 22 ottobre

    Il nuovo sparatutto di casa DICE mostra una panoramica delle mappe, modalità e sulle scelte creative, infatti, il nuovo Battlefield non avrà una modalità storia, ma si concentra solo sul multigiocatore ciò non toglie l’ambientazione narrativa. Nel 2030 una serie di crisi (anche attuali) portano molti paesi al crollo economi e sociale creando così delle persone senza patria, rifiutati da tutti i paesi ancora “in piedi”.

Nel 2042 scoppia una guerra per le ultime risorse rimaste tra l’America e la Russia, i quali reclutano i No-Pats per riempire le proprie file di soldati, in quanto un blackout satellitare riduce la possibilità di utilizzare tecnologie missilistiche e truppe robotizzate.

Uno scenario un po’ banale in quanto è una versione moderna di Modern Warfere.

Dice ha dato principale sviluppo nel reparto grafico, basta pensare all’enorme senso di scale per le nuove console e pc per un massimo di 128 giocatori migliorando l’esperienza degli utenti.

Un altro elemento che ci ha colpito sono i cambiamenti climatici in alcune mappe, dei veri disastri naturali; mentre in altre mappe saranno i giocatori a modificarli.

Per quanto riguarda la personalizzazione delle armi e dei personaggi, il game ci farà scegliere uno specialista con cui iniziare a cui avrà accesso a due abilità gadget primario e abilità passiva; gli unici ad avere un volto e una nazionalità.

Ogni personaggio a prescindere dalla specialista potrà scegliere qualsiasi arma da fuoco primaria, secondaria o gadget.

Attualmente non possiamo dirvi com’è l’esperienza di gioco dato che l’uscita della Beta non è ancora stata proclamata ma sarà purtroppo disponibile solo per chi decide di preordinare Battlefield 2042.

l’esperienza di gioco di Battlefield 2042 sarà compatibile anche con PS4 e Xbox One oltre alla nuove console che su PC.




Surface Laptop4

Microsoft beffa Apple con il nuovo Surface Laptop4

    Una nuova presentazione del Surface Laptop4 beffa il MacBook Air mostrando la disponibilità di un display touch screen, una disponibilità di una porta USB standard e USB C e un miglior supporto al gaming; mentre il MacBook Air ne è sprovvisto di tutto ciò come viene sottolineato nel video.

Il nuovo Surface Laptop4 è disponibile sia con i processori Intel che AMD con un display da 13.5” e 15” con diverse finiture e colori ed è disponibile con la superficie della tastiera in Alcantara.

La contro parte utilizza il processore proprietario Apple Silicon M1 con architettura ARM.

I prezzi per il nuovo Microsoft Surface Laptop 4 partono dal 1.149€ per il modello da 13,5” AMD Ryzen5 4680u 8gb di ram e un ssd da 256 GB, mentre per il 15” AMD Ryzen7 4980u 8GB di Ram e 256 ssd parte da 1499

SPECIFICHE TECNICHE

  • OS: Windows 10 Home 20H2
  • dimensioni e peso: 
    • 13,5″: 308x223x14,5mm per 1,265 grammi (Platinum e Ice Blue) o 1,288 grammi (Matte Black e Sandstone)
    • 15″: 339,5x244x14,7mm per 1,542 grammi (Platinum e Matte Black)
  • scocca: alluminio
  • colorazioni:
    • 13,5″: Platinum o Ice Blue (solo in versione Alcantara), Matte Black o Sandstone (solo in versione in metallo)
    • 15″: Matte Black, Platinum
  • display: 
    • 13,5″: PixelSense Display 2256×1504, 201ppi, 3:2, supporto Surface Pen, multi-touch a 10 punti
    • 15″: PixelSense Display 2496×1664, 201ppi, 3:2, supporto Surface Pen, multi-touch a 10 punti
  • CPU: 
    • 13,5″:
      • Intel Core i5-1135G7 quad-core
      • Intel Core i5-1145G7 quad-core (solo uso commerciale)
      • Intel Core i7-1185G7 quad-core
      • AMD Ryzen 5 4680U Mobile con Radeon Graphics Microsoft Surface Edition exa-core
      • AMD Ryzen 74980U Mobile con Radeon Graphics Microsoft Surface Edition octa-core (solo uso commerciale)
    • 15″:
      • Intel Core i7-1185G7 quad-core
      • AMD Ryzen 7 4980U Mobile con Radeon Graphics Microsoft Surface Edition octa-core
  • tastiera e trackpad: 
    • 13,5″: trackpad 115×76,6mm in vetro, gesture a 5 dita, tastiera full size backlit con soft touch, corsa 1,3mm
    • 15″: trackpad 115×76,66mm in vetro, gesture a 5 dita, tastiera full size backlit, corsa 1,3mm
  • grafica:
    • Intel Core 11a gen: Intel Iris Xe
    • AMD Ryzen: AMD Radeon
  • memoria: 
    • 13,5″: 8/16/32GB LPDDR4X, 3733MHz
    • 15″:
      • Intel: 8/16/32GB LPDDR4X, 3733MHz
      • AMD: 8/16/32GB DDR4, 2400MHz
  • storage: 13,5″: 256/512GB o 1TB M.2 NVME SSD rimovibile
  • sicurezza: chip TPM 2.0 e supporto BitLocker, Windows Hello
  • rete: WiFi 6, Bluetooth 5,0
  • autonomia: 
    • 13,5″:
      • AMD Ryzen 5: fino a 19 ore
      • Intel Core i5: fino a 17 ore
      • supporto ricarica rapida
    • 15″:
      • AMD Ryzen 7: fino a 17,5 ore
      • Intel Core i7: finoa 16,5 ore
      • supporto ricarica rapida
  • cam: Windows Hello per autenticazione facciale, fotocamera frontale 720p f/2,0
  • audio: Studio Mic Dual far-field, speaker Omnisonic con Dolby Atmos 9
  • porte: 1x USB-C, 1x USB-A, jackda 3,5mm, 1x Surface Connect
  • sensori: luce ambientale
  •  alimentazione: 60W + 5w



The Day Before

the day before
The Day Before è un MMO survival open world ambientato in America post-pandemica invasa da infetti affamati di carne umana e sopravvissuti capaci di uccidere pur di ottenere cibo, armi e veicoli.

team russo Fntastic si è fatto influenzare molto da The Last of Us e The Division, nel gameplay rilasciato possiamo vedere un’anticipazione di come saranno le dinamiche di gioco e sul sistema di combattimento contro le orde di zombie e sopravvissuti.

Il gameplay di ben 14 minuti inizia con voce di un uomo alla radio, il quale racconta come questo misterioso virus ha distrutto la civiltà umana creando una pandemia per poi essere interrotto dalle varie urla dovuto ad un attacco degli infetti.

Subito dopo entriamo nel vivo del gioco, mostrando gli spostamenti con dei veicoli attraverso diversi scenari disastrati e contaminati e qui dobbiamo sottolineare la realizzazione dell’ambientazione lascia veramente senza parole.

Per gli spostamenti a far da padrone sembrano essere i veicoli, il quale ci aiutano a percorrere lunghi tragitti, e a trasportate con sé varie attrezzature anche piuttosto pesanti e ingombranti.

Se da un certo punto di vista i veicoli ci aiutano e ci mettono al sicuro e al riparo ma dall’altro conto, come per la maggior parte dei survival, bisognerà sempre fare manutenzione ai mezzi, ad esempio facendo un pieno di benzina prima di partire per evitare di rimanere “a piedi”, gonfiando gli pneumatici o per altre problematiche del genere. Attenzione però, troppo rumore del veicolo potrebbe attirare gli infetti trasformando il mezzo in una trappola.

Un particolare interesse ci ha accolto la sezione di crafting e sul reperimento delle risorse, il quale sembra essere una delle funzioni principali del gioco, con luoghi da esplorare. The Day Before è ambientato durante il periodo natalizio questo ci porterà a far i conti con il clima gelido, infatti dovremo stare attenti a trovare un riparo e scaldarci un forte richiamo a The Division.

Il sistema di combattimento in terza persona non ci convince molto, dato da suoni deboli e ripetitivi, per non parlare delle creature colpite dai proiettili quasi illese come se non avessero appena ricevuto una raffica di colpi.

Il gameplay finisce con un assalto ad una fattoria durante la notte, mostrando nuovamente una spettacolare grafica.

L’assalto mostra l’arrivo di altri esseri umano dovuto ad un allarme non disattivato e il protagonista scappa ed entra in bunker nel quale si ode delle urla strazianti di una donna.

The Day Before è previsto per il 2022 ma non sappiano ancora su quale console girerà

            <figure><img src="https://betapress.it/wp-content/uploads/2021/06/capsule_616x353-1-150x150.jpg" alt="the day before" /></figure><figure><img src="https://betapress.it/wp-content/uploads/2021/06/ss_11dbfcc836cf3330c45913766187900ec3473ca0.600x338-150x150.jpg" alt="the day before" /></figure><figure><img src="https://betapress.it/wp-content/uploads/2021/06/ss_b6f98b3b07931f3ac740a3ea6d755859d3d1014b.600x338-150x150.jpg" alt="the day before" /></figure><figure><img src="https://betapress.it/wp-content/uploads/2021/06/ss_ef6041e2f4099474b33ea960e570c94bc79eb30f.600x338-150x150.jpg" alt="the day before" /></figure><figure><img src="https://betapress.it/wp-content/uploads/2021/06/capsule_616x353-150x150.jpg" alt="the day before" /></figure>          
                    Precedente
                    Successivo
    



DYING LIGHT2

DYING LIGHT2 è Action Survival Horror in un ambiente open world,
ambientato 20 anni dopo dal primo capito in un mondo che ha combattuto e perso contro il virus.
In questo oscuro medioevo ci metteremo nei panni di un viandante, il quale ha il potere di cambiare il destino della città,Villedor ultima roccaforte della razza umana.

Attraverso combattimenti, affineremo le nostre abilità sia per fare amicizie che per sconfiggere i nemici, nel quale avremo bisogno sia di intuito che di muscoli.

DL2

Sfruttando le abilità nel parkour, potremo effettuare mosse brutali e letali, per poter portare a favore anche gli scontri più pericolosi.
l’astuzia, trappole e armi creativi saranno i nostri migliori alleati, anche nel sconfiggere i boss più letali.

in Dl2 avremo la possibilità di scegliere tra 3 fazioni principale, per il quale ci porteranno a fare delle scelte nel quale ci porteranno a delle conseguenze che determineranno l’equilibrio per il conflitto urbano.

Ci sarà un ciclo giorno /notte, la luce terrà alla larga gli infetti mentre di notte, avremo la possibilità di esporare i loro nascondigli in quanto saranno a caccia.

DL2 prevederà ben 3 grafiche differenti per le console di nuova generazione. La quality mode avrà un utilizzo più presente del raytracing, la perfomance mode porterà il titolo a girare a 60 fps e infine una modalità 4k.

La data rilascio è previsto per il 7 dicembre 2021 per pc e console vecchia e nuova generazione.




WW1 – Isonzo

M2H E BLACKMILL dopo il successo di Tannerberg, hanno annunciato un nuovo shooter ambientato durante la 1° guerra mondiale; Isonzo.

“Il fronte italiano si è rivelato il teatro ideale per alzare l’asticella dei giochi della serie WW1, sia in senso figurato che letterale! La guerra alpina di Isonzo porta numerose meccaniche di gioco inedite, insieme al nuovo esercito italiano, impegnato a combattere contro quello austro-ungarico. Non vediamo l’ora di mostrare ciò a cui abbiamo lavorato: ci sono molte novità interessanti in arrivo!”

queste sono state le parole provenienti dalla casa madre.

infatti in questo game dovremo guidare alla carica una delle due fazione attraverso i paesaggi montani italiani.

Come per gli altri giochi i ragazzi di BLACKMILL si sono concentrati sulla ricerca storica delle divise, armi e combattimenti  tant’è che avremo da compiere diverse missioni in base al fronte per cui ci schiereremo.

Che giochiamo tra le montagne italiane, nelle città; online o no, i giocatori potranno gestire baionette, mitragliatrici, mortai e lanciagranate oltre che a chiedere il supporto aereo, con bombardamenti, rifornimenti e gas letali.
In Isonzo dovremo scegliere con cura il proprio equipaggiamento in base alla categoria del nostro personaggio infatti gli ingeneri potranno disinnescare bombe o tagliare fili spinati per creare passaggi per la fanteria, mentre gli ufficiali potranno ordinare la creazione di ostacoli o sbarramenti

La data di rilascio non è ancora stata annunciata ma sappiamo che è prevista entro il 2021 e sarà disponibile sia su PC su che console PS4 Xbox One e su PS5 Xbox S/X




“Un FANtastico Capodanno”

Un Capodanno FANtastico, come i “FAN” che l’hanno desiderato.

Tutto è cominciato il giorno in cui un fan di “City Hunter”, la serie animata cult che vede come protagonisti il private eye Hunter – nella versione japan “Ryo Saeba” – e la sua aiutante Kreta – nella versione originale Kaori Makimura – si è messo in contatto con il doppiatore italiano del personaggio protagonista: Guido Cavalleri.

Cristian – questo il nome del nostro fan – avrebbe tanto desiderato vedere i volti dei doppiatori italiani dei personaggi principali del suo anime preferito: Hunter, Kreta, Selene e Falcon.

Ed ecco la telefonata di Guido, preceduta da un messaggio su whatsapp.

Ho subito pensato a una live Reunion a quattro. Promossa e diffusa sui social più gettonati, ci avrebbe permesso di raggiungere, con la freschezza della diretta, il maggior numero possibile di fan.

L’Evento, “Buon Natale City Hunter”, è stato trasmesso in live streaming il 22 dicembre 2020: eccolo.

 

Un’eco imprevedibile.

E chi si sarebbe aspettata una partecipazione del genere? Io no di certo.

Nei giorni successivi, i commenti al video e i messaggi in modalità privata, su Messenger e Instagram, continuavano a fluire. Rispondere a tutti sarebbe stato impossibile: dovevo fare una cernita, per quanto sommaria, e scegliere quelli più rappresentativi.

Da giorni mi stavo arrovellando sul dono che avrei potuto fare ai miei viewers, in vista dell’Anno nuovo. Desideravo che fosse un momento prezioso, emozionante, caldo come l’abbraccio di un vero amico. Una diretta poteva essere l’ideale: un’ora spensierata per coloro che, a motivo delle restrizioni sanitarie, non avrebbero potuto raggiungere amici o parenti.

Non esiste un Capodanno senza abbracci. Dovevo fare qualcosa.

 

… ed ecco i commenti che mi hanno intenerito il cuore.

Maila: “Mamma mia mi viene da piangere a sentirvi”.

Emanuele: “Grazie di cuore di avermi cresciuto da piccolo ed emozionarmi ancora di più anche ora che da ragazzo sono adulto. Penso di parlare a nome di tutti: VE VOLEMO BENE”

Ivano: “Spero facciate altre reunion ragazzi, ci avete fatto passare una bella serata. Tanti auguri a tutti voi ragazzi. Siete meravigliosi e grazie di tutto.”

Ilaria: “Siete un pezzo della nostra meravigliosa infanzia”.

E infine il colpo di grazia di … Grazia: “Grazie per averci regalato un ritorno all’infanzia in un periodo così difficile. Passano gli anni ma l’emozione di sentire le voci di personaggi che tutti portiamo nel cuore rimane la stessa,  l’amore e la professionalità che mettete nel vostro lavoro si vede e coinvolge tutti noi fans. Tantissimi auguri di buone feste a tutti voi e spero di vedere altre reunion, vi si ama!”

Ok. Questa diretta s’ha da fare.

 

Ragazzi … ci siete?

Mi affaccio alla Messaggeria e creo un gruppo, aggiungendo i nomi dei doppiatori che via via mi vengono in mente. Con alcuni di loro ogni tanto ci si “parla” commentando i nostri post. Con altri mi sono persa di vista da tempo. L’algoritmo di Facebook, si sa, non perdona: se non c’è interazione ci si perde.

Ero consapevole del fatto che mi stavo muovendo a ridosso del Capodanno e che, con un tempo di preavviso così breve, non mi sarei potuta aspettare una risposta corale.

Eppure, la mia folle fiducia nell’esistenza mi ha suggerito di creare uno “spazio” così che la Natura, che aborrisce il vuoto, potesse venire a colmarlo a modo suo e nei suoi tempi. E così è stato.

 

… Ed ecco chi ha risposto all’appello.

In ordine di ingresso nel salotto virtuale del Canale YouTube:

Nicola Bartolini Carrassi: imprenditore, giornalista, doppiatore, scrittore, autore e produttore televisivo, sceneggiatore e paroliere italiano.

Ho chiesto a “Niki”, data la sua esperienza come doppiatore e soprattutto come autore, dialoghista, creativo organizzatore di eventi –  di rimanere con me per tutta la durata della maratona delle voci in diretta. Neanche a dirlo, la mia scelta si è rivelata azzeccatissima.

Elisabetta Cesone: attrice, doppiatrice, direttrice di doppiaggio.

Tra gli indimenticabili personaggi da lei doppiati: Picchiarello; la Zia Polly in “Pollyanna”; Miki in “City Hunter”; Meg in “Una Per Tutte, Tutte Per Una” (versione cartoon di “Piccole Donne”); Shirley Bennett (Ivette Brown) in “Community”; Jacqueline Mazerin (Josiane Balasko) nel film cinema “Torno Da Mia Madre” (la sottoscritta prestava la voce a sua figlia Stephanie, interpretata dall’attrice Alexandra Lamy).

Guido Cavalleri: doppiatore del personaggio di Ryo Saeba ovvero Hunter in “City Hunter”.

Dal 1990 al 1996 Guido ha condotto il programma per ragazzi “Ciao Ciao”. Dal 2001 è stato autore televisivo del programma “La Macchina Del Tempo” di Rete 4. Inoltre ha firmato il programma “Missione Natura” trasmesso su LA7.

Danja Cericola: doppiatrice e direttrice di doppiaggio.

Tra i personaggi da lei doppiati si ricordano: Marie Verneuil (Chantal Lauby) in “Non sposate le mie figlie” (la mia mamma! Io doppiavo la figlia depressa, Ségolène Verneuil); Evelyn in “Evelyn e la magia di un sogno d’amore”; Lady Isabel ne “I Cavalieri dello Zodiaco”; Pollyanna in “Pollyanna”; la Regina Nehellenia in “Sailor Moon SuperS”; Jirobay in “Dragon Ball”; Margherita e Barbara in “Lovely Sara”; India Von Halkein (Mary Kay Adams) nella soap opera “Sentieri” (qui doppiavamo madre e figlia adottiva: Dorie Von Halkein, interpretata dall’allora giovanissima Kimi Parks, aveva infatti la mia voce).

Stefano Bersola: cantante, compositore, interprete, autore.

Figlio d’arte – la sua mamma, Katty, faceva l’indossatrice ed è stata la prima donna d.j. in Italia mentre il papà, Giorgio, faceva l’attore di fotoromanzi – e fratello di Giovanna Bersola, in arte Jenny B.

Nel 1998 Stefano incide la sigla televisiva dell’anime “City Hunter” (arrangiata da Alberto Radius), in onda su Italia 7 Gold.

Nello stesso anno compone “Mi Hai Rapito Il Cuore” (arrangiata da Nicolò Fragile), sigla della serie d’animazione “Lamù La Ragazza Dello Spazio”, a cui seguono le sigle di “Patlabor”, “Sun College” e “Credi Sempre In Te”, per la serie direct-to-video “Magic Knight Rayearth”.

I suoi CD: nel 2014 “Anime Songs”; nel 2016 “City Hunter” (The Remixes); nel 2017 “Anime Duet” (con Luigi Lopez) e nel 2018 “Anime Collection”.

Pietro Ubaldi: doppiatore, cantante, attore.

Voce del pupazzo Four in “Ciao Ciao” e di Uan in “Bim Bum Bam”, ha prestato la sua voce, tra gli altri, ai personaggi di Marrabbio e Giuliano nelle serie TV: “Love Me Licia” (1986); “Licia Dolce Licia” (1987); “Teneramente Licia” (1987); “Balliamo E Cantiamo Con Licia” (1988).

Pietro ha inoltre doppiato, tra gli altri personaggi, il Re in “Mio Mini Pony”; Doraemon; Spike in “Alla Ricerca Della Valle Incantata”; Scooby-Doo in “Scooby-Doo”; Patrick Stella in “Sponge Bob”; vari personaggi in “Dragon Ball”.

Gianni Quillico: attore teatrale, doppiatore.

Ha dato la voce all’Uomo Ragno nel cartone animato degli anni 80, a Roger Girard (Bruno Le Millin) in “Primi Baci” (io doppiavo sua figlia Justine, interpretata dalla giovane attrice Camille Raymond), a Giobatta in “Calimero” (il papà di Priscilla), a Leslie Claret (Kurtwood Smith) in “Patriot”, all’Imperatore Carlo il Calvo (Lothaire Bluteau) in “Vikings”, a Francesco in “Essere Leonardo Da Vinci”, per la regia di Massimiliano Finazzer Flory.

Come attore televisivo ha partecipato ad alcuni episodi di “Casa Vianello” (2001) e “Camera Café” (2007). Inoltre ha recitato sul set di “Non si può morire ballando”, film diretto dal regista indipendente Andrea Castoldi.

Marco Benedetti: attore, doppiatore, produttore di cortometraggi, film, telefilm e spettacoli teatrali.

Marco è specializzato in Pronuncia inglese standard American e standard British.

Come doppiatore ha dato la sua voce, tra gli altri, ai seguenti personaggi: McAfee (Harris Dickinson) in “Matthias & Maxime” di Xavier Dolan; Makoto Edamura in “Great Pretender” (serie animata su Netflix); Bryce Walker (Justin Prentice) in “Tredici” (telefilm su Netflix); Alain in “Pokemon”.

Vittorio Bestoso: speaker, doppiatore e direttore di doppiaggio.

Tra i personaggi doppiati si ricordano Satam in “Aida Degli Alberi” e Falcon in “City Hunter”.

Lorella De Luca: attrice, doppiatrice e speaker.

Lorella è la bellissima voce di spot pubblicitari, documentari, film, telefilm, cartoni animati, videogame, audiovisivi promozionali e didattici, corsi di lingue e favole per bambini.

Dal 2011 è anche la voce ufficiale dei promo del canale televisivo Cartoonito.

Massimo Di Benedetto: doppiatore.

I personaggi da lui doppiati in film cinema, film d’animazione, serie TV e serie animate sono innumerevoli, e per questo vi rimando alla sua pagina su Wikipedia.

Nella manifestazione annuale “Cartoon & TV Awards” del 2005, gli è stato assegnato il premio “Miglior Rivelazione Voce Maschile”!

 

È stato un Evento memorabile …

La Live Reunion di Capodanno, tra amarcord, simpatici aneddoti e considerazioni sull’attuale non felicissima situazione degli attori e doppiatori italiani, è durata più di due ore. Eccola.

Vivissima la partecipazione dei nostri fan: il tempo è volato assieme a loro!

L’obiettivo dell’Evento è stato raggiunto: far sapere che ci siamo, che non siamo solo “voci”, che percepiamo e ricambiamo il loro affetto.

Abbiamo brindato insieme alla Vita, che ci ha accompagnati fin qui e ci guiderà ancora nell’anno a venire.
Se siamo ancora qui, infatti, vuol dire che abbiamo brillantemente superato imprevisti, prove e sfide.
Essere Eroi di anime e manga, tutto sommato, è facile.
Ecco perché i veri Eroi siamo tutti noi.
JL

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Battlefront II: Fare non Provare!

Il gioco più atteso da tutti i fan di Star Wars è sugli scaffali e lo abbiamo giocato a fondo e sviscerato a dovere per portarvi la nostra opinione.

Battlefront 2 arriva a due anni di distanza dal primo capitolo uscito nel 2015 e corregge quasi tutti i difetti che aveva il suo predecessore e che avevano scontentato i fan.

L’introduzione di una campagna single player è la più importante delle aggiunte, della lunghezza di circa sei ore, durata tipica per uno sparatutto, la storia ci porta nei panni di un agente speciale dell’impero in una serie di livelli che coinvolgono l’uso di navi spaziali e alcuni dei più famosi eroi della saga.

Si tratta di un’esperienza intensa e divertente che farà riferimento a molti altri media del nuovo canone di Star Wars e che farà esaltare i fan della saga, ma che rimarrà comunque godibile anche per i neofiti.

Altra modalità offline è l’Arcade in cui ci si può cimentare in sfide o partite personalizzate contro il computer da soli o in schermo condiviso con un amico.

Menzione importante va al comparto multiplayer che questa volta mette a disposizione molti più pianeti, molti più veicoli, molti più personaggi e il tutto proveniente da tutte e tre le ere cinematografiche.

Nel multigiocatore sono inoltre presenti le battaglie spaziali con le iconiche astronavi, anche queste notevolmente migliorate nell’utilizzo e nella varietà dal precedente capitolo, che portano il giocatore a scontri al cardiopalma nel vuoto dello spazio e tra campi di asteroidi.

La sola nota negativa del multiplayer, e osiamo dire di tutto il gioco, è il sistema di progressione che blocca anche alcuni personaggi giocabili dietro alle così dette loot box.

Le loot box rappresentano un sistema di microtransazioni in-game che permette di ottenere premi e progredire velocemente pagando in denaro reale casse premio che altrimenti richiederebbero ore di gioco per essere guadagnate.

Si viene così a creare un evidente vantaggio in partita per chi è disposto a pagare rispetto a chi non vuole o non può farlo.

Questo è un problema largamente conosciuto dalla community online ed è talmente sentito che, a causa delle numerose lamentele dei giocatori, a distanza di poche ore dall’uscita EA è stata costretta a eliminare, temporaneamente, le microtransazioni dal gioco.

Non resta che sperare che il sistema di progressione venga migliorato con futuri aggiornamenti che introdurranno, tra l’altro, anche numerosi nuovi contenuti gratuiti per tener vivo il gioco negli anni a seguire.

http://betapress.it/index.php/2017/11/12/star-wars-una-nuova-trilogia-allorizzonte-lontano-lontano/

http://betapress.it/index.php/2017/10/28/trust-me-im-a-jedi/

http://betapress.it/index.php/2017/09/30/games-week-milano-al-centro-del-videogioco/

 

 




Games Week: Milano al centro del videogioco

Si svolge in questi giorni la manifestazione del videogioco più importante in Italia, tre giorni di passione per i videogiocatori di tutte le età.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I Giocatori hanno preso d’assalto i saloni della manifestazione fin dalle prime ore del mattino, riempiendo tutti gli stand.

I titoli più richiesti erano Battelefront II, l’acclamato seguito del primo gioco sulla saga di Star Wars, WWII rievocazione della seconda guerra mondiale, Destiny 2, gioco futuristico Destiny 2 è un videogioco sparatutto sviluppato da Bungie con l’assistenza di Vicarious Visions e High Moon Studios, sequel dello Shared World Shooter (“sparatutto a mondo condiviso”) Destiny e delle sue espansioni. Il gioco era stato originariamente annunciato per l’8 settembre 2017, salvo poi essere anticipato al 6 settembre su console per evitare di sovraccaricare i server nel weekend di lancio. La versione PC sarà disponibile dal 24 ottobre 2017 e verrà distribuita esclusivamente su Battle.net, la piattaforma online di Blizzard.

 

Anche  giochi automobilistici hanno attirato molto l’attenzione dei Fan, che non erano solo ragazzi, ma anche ragazze interessate ed attente alle novità del settore.