1

“Come avere fede ed essere felici” con Nanda Ubaldini

Cari Lettori,

c’è una bellissima novità: d’ora in poi gli appuntamenti settimanali de “Il Giardino Incantato degli Eroi” e del “Soul Talk” verranno trasmessi in live streaming sia sul Canale You Tube “Jasmine Laurenti”, sia su quello di “BetapressTV”.

L’ospite di domani sera, giovedì 10 febbraio, è Nanda Ubaldini.

Ho avuto il piacere di intervistarla a dicembre dello scorso anno in occasione del flash mob che la vede ideatrice e protagonista: “Lettere a Dio”.

In sintesi: Nanda non ha avuto una vita facile. Tutt’altro. All’ennesima “tempesta” decide di scrivere una lettera al Creatore dell’Universo e di spedirla con tanto di francobollo.

Obiettivo: chiederGli se tutta quella sofferenza avesse avuto un senso.

Nell’arco di ventiquattr’ore, il suo atto di fede viene premiato con un incontro speciale. Da quel momento la sua vita non sarà più la stessa.

Forte di questa e di altre vicissitudini brillantemente superate, oggi Nanda è un punto di riferimento importante nell’ambito della crescita personale e di una spiritualità “libera” da dogmi, formalismi ed etichette.

La sua Missione è dimostrare al mondo che, se c’è la Fede, tutto è possibile.

Basta riconnettersi al divino, scoprire la potenza creativa del pensiero e scoprire il vero Senso della Vita.

Solo così l’Essere Umano può essere felice, e continuare a esserlo indipendentemente dalle circostanze!

SAVE THE DATE AND THE EVENT:

Giovedì 10 febbraio 2022 alle ore 20:30 in Live Streaming sui Canali “Jasmine Laurenti” e “BetapressTV”:

“Come avere fede ed essere felici” – Soul Talk con Nanda Ubaldini.

Buon ascolto!

Jasmine Laurenti

 

 

 

 

 




ELEZIONI: QUANTO VORREI CHE…

         Si avvicinano momenti che, fino a pochi anni fa, l’Italia viveva con trepidazione; e, all’orizzonte, si prospettano altre fasi che chiameranno i Cittadini a pronunciarsi su una nuova Legislatura.

Momenti che erano solenni e che via via hanno perso di smalto, divenendo crocevia di drastiche contrapposizioni, liti, aut-aut, interessi e accordi trasversali o persino innaturali.

Momenti che richiederebbero un riavvicinamento alla volontà popolare affatto ignota, ormai,  ovverosia a quello che non certo secoli fa era definito ‘l’interesse e il benessere dell’Italia’.

         Valutando e parlando con Amici, la sintesi porta a un pugno di desiderata che rappresentano il comune sentire e affatto ‘impossibili’ o ‘improponibili’: da qui, la somma dei tanti ‘quanto vorrei che … ‘.

… che avessimo amministratori che ritrovino il senso della Nazione, dell’Amor Patrio, che operassero a favore dell’Italia e nell’interesse degli Italiani.

… che, ci amministra, parlando dei Cittadini, non dicesse ‘…voi Italiani’, ma ‘noi, Popolo Italiano.

… che abbracciassero il proprio mandato con scrupolo, onestà e desiderio di ‘fare’, di ‘costruire’ per il Cittadini di oggi e, soprattutto, per quelli dei domani che verranno.

… che svolgessero la loro azione, vincolati al mandato ricevuto, senza poi andare di qua e di là, spesso prestandosi a indecorosi spettacoli.

… che si mettesse a punto una serie di nuove norme elettorali che favoriscano la nomina diretta, secca al primo turno, di chi abbia avuto, anche per un solo voto in più, la maggioranza dei consensi: accordi, liste congiunte, confluenze, devono essere palesi prima del voto.

… che il Parlamento ritrovi appieno il proprio ruolo, eliminando ogni discrasia che possa consentire di scavalcarne funzioni e poteri. Tutte le norme, tutti gli accordi, specie se di respiro internazionale, devono passare dall’esame e dall’approvazione del Parlamento: nessuno può pensare di ‘vendere’ e ‘comprare’ di testa propria.

… che non esistessero più farraginosi meccanismi (consulenze, comitati tecnici, cabine di regìa, ecc.) che oltretutto possano consentire il giochino dello ‘scaricabarile’ a chi evita di assumersi responsabilità dirette e personali.

Chi intenda accettare l’onore di un incarico amministrativo o di governo, se non ha le capacità di farvi fronte con le proprie competenze e capacità personali, eviti di assumersene l’onere: ministeri, regioni, comuni e quant’altro hanno al proprio interno risorse e competenze bastevoli per ciò.

… che non venga concessa alcuna ‘guarentigia’ o ‘salvacondotto’ o ‘assoluzione preventiva’, a chi svolto funzioni pubbliche: se si accetta un incarico, se ne devono accettare anche le responsabilità: amministrative, civili e penali, Diversamente.

… che la Costituzione torni prepotentemente a essere quel faro, quel sistema di sapienti equilibri e contrappesi a presidio dei diritti e dei doveri dei Cittadini Italiani.

… che il sistema Giustizia ritrovi il proprio giusto ruolo nella Società, tornando ad applicare quelle norme e quelle leggi, il cui articolato è stato sempre di esempio nel mondo.

… che avessimo un’attenta difesa del nostro suolo, dei confini, dei diversi territori, delle nostre attività artigianali, commerciali, imprenditoriali, agricole, industriali, turistico-ricettive, sempre tutelate e difese, a difesa, sempre e comunque, dell’interesse nazionale.

… che la pressione fiscale fosse ridotta drasticamente, favorendo la ripresa di quel circuito virtuoso legato ad attività e lavoro, commercio ed esportazione; ma anche facendo cessare la fuga delle imprese dall’Italia.

Ad oggi, perse un’enormità di realtà produttive che, all’estero, hanno generato oltre 1.500.000 nuovi posti di lavoro: lavoro che doveva e poteva rimanere qui in Italia, se solo un sistema politico attento e lungimirante avesse colto e frenato queste vere e proprie emorragie.

… che il turismo riprenda tonico vigore, alimentando virtuosi circuiti: dal lavoro, alla cultura, ai musei, agli scavi, alle spiagge, alle località montane.

… che si possa fare subito qualcosa di concreto per evitare che almeno altri 50.000 ristoranti, bar e altre attività commerciali, chiudano: seguendo gli oltre 30.000 già falliti dall’inizio di un rincorrersi senza sosta di misure limitative.

… che gli Italiani ritrovino il piacere di ‘fare figli’, grazie a un nuovo e dinamico sistema di contributi, provvidenze e salvaguardie, utile a eliminare tutto ciò che oggi ostacola la formazione di una famiglia.

… che lo spettro della fame e della miseria, che da sempre accompagnano i regimi totalitari, non perseguiti altri Cittadini, aggiungendosi agli oltre 5.000.000 già in povertà assoluta e agli altri 5.000.000 sulla soglia della povertà.

… che finalmente le norme correlate al concetto di Sovranità Nazionale siano sempre superiori ad altri interessi e/o accordi, specie se questi ultimi possano comportare conseguenze sulla produttività, sula lavoro, sulla tutela e salvaguardia del suolo e dei confini.

… che chi amministra segua un armonico programma di assoluto interesse nazionale, piuttosto che non l’applicazione di programmi elaborati in altri contesti ovvero sviluppati in altri luoghi e in altri e diversi contesti.

E chi mente o compia altri reati nell’esercizio del proprio mandato, deve essere inibito a vita da funzioni e uffici amministrativi e politici.

… che chi amministra possa stimolare fortemente i consumi (in due anni, la perdita è stata di oltre il 27% per bar ristorazione, di oltre il 35% per gli alberghi, di oltre il 21% per i servizi culturali e ricreativi, di più del 16% per i trasporti e di oltre il 10,5% per abbigliamento e calzature).

… che fosse fatta un’indagine seria e completa sull’influenza che hanno le emissioni degli impianti di quinta generazione (e prossimamente di sesta), ormai capillarmente diffusi sul territorio,  sulla salute delle persone.

… che la scuole e le università ritrovino quello spirito formativo che ha sempre fatto dell’insegnamento il motore trainante per la corretta istruzione e formazione dei giovani.

… che la sanità in genere torni appannaggio di figure di corretta professionalità, che spendono le proprie capacità e le proprie competenze a favore dei malati, operando nel giusto equilibrio tra scienza e coscienza e, sempre e comunque,  rispettando il classico principio di ‘prudenza’.

         E sicuramente ce ne sarebbero ancora …

         …Cose difficili? Cose impossibili?

Ma se ci girassimo appena un po’ indietro, vedremmo che sono ancora lì, a portata di mano …

 

Giuseppe Bellantonio

 




2022 anno ufficiale per la ragione

UN MESSAGGIO DI VITA!
In ogni parte del Mondo, tra la fine dell’anno 2021 e l’inizio del nuovo anno 2022, una moltitudine di messaggi, ha sottolineato questo momento: ora con toni pessimi, ora con toni bene auguranti e quindi di speranza.
Non intendo qui collegarmi né agli uni, né agli altri: anche se il cuore mi guida prepotentemente verso la Luce.
Vorrei più semplicemente rivolgermi ai miei compatrioti, agli Italiani, per invitarli a ritrovare sé stessi, liberandosi il cervello dal tanto ciarpame che abilmente lo ha inbibitato: così guardando all’essenziale, a quella vita che non può essere persa in inutili scontri di tifoserie, che non può confondersi in sterili antagonismi tra guelfi e ghibellini, che non può essere svilita dall’odio e dalla perdita di ogni sentimento umano.
Così come è stato sostenuto nei giorni scorsi, è essenziale che ogni Essere Umano senziente dimostri di non aver smarrito ‘il ben dell’intelletto’, ma affermi con energia – in termini di pensiero come di azione – di essere un ‘homo sapiens sapiens sapiens’: il frutto concreto e visibile di centinaia di migliaia di anni di evoluzione, pur animati da una scintilla Superiore.
Dobbiamo, tutti, riprendere padronanza dell’intelletto e quindi della ragione: per poter distinguere con immediatezza la lana dalla seta, il bianco dal nero, il vero dal falso.
In migliaia di anni di crescita – sociale, politica, spirituale – l’Uomo dovrebbe aver ben imparato il significato e il valore di concetti quali quelli di Libertà, Rispetto, Dignità: quindi, non dovrebbe consentire ad alcuno di mettere delle grate alla propria mente, come pure non dovrebbe consentire in alcun modo che venga calpestata la sua dignità di Essere Umano.
Come pure, mai dovrebbe cedere ad altri la barra del timone del proprio destino!
Invito con amorevole fermezza agli Italiani, ai miei compatrioti, a coloro che sono amanti del Bello, del Buono e del Giusto, affinché ritrovino il senso dell’Unione, dell’Unità, rammentando con fierezza che sono un Popolo e che è proprio la Dignità di un Popolo a costituire la sostanza di una Nazione.
Non perdetevi dietro false illusioni, non fatevi irretire ancora una volta, ritrovatevi vicini gli uni agli altri dimostrando solidarietà.
Dimostrate che gli Italiani do it better… non solo nell’ars amandi ma anche nel dimostrare il loro valore, il loro spessore umano!
Di Italiani – valorosi, intelligenti, uomini di scienza come di cultura, creativi e ricchi di costruttiva fantasia, in grado di rialzarsi anche dopo batoste fenomenali – ne è stato sempre pieno il mondo: ed è forse proprio questo il ‘torto’, il ‘difetto’, della nostra bella Patria, degli Italiani…
Un ‘difetto’ che taluno, più arido, meno dotato, dal passo pesante e armato, vuol forse punire stroncare in nuce, coltivando inconfessabili quanto aberranti – ma comunque, dichiarati – progetti di annientamento materiale, fisico.
Una domanda: ma sulla Terra sono più numerose le iene, i lupi, gli sciacalli, gli avvoltoi, o gli Esseri Umani? La risposta è alla portata di tutti… ricordatevi sempre che chi pecora si fa il lupo se la mangia… quindi, basta non essere, non farsi, pecora sacrificale… basta contrapporsi con le armi legittime e legittimate che la Costituzione ci offre…
Rendetevi conto di questo, rendetevi conto della vostra forza di Esseri Umani – di homo sapiens sapiens sapiens – reagite a tutto ciò che è male, sopruso, violenza, cattiveria, malvagità, opponendo la RAGIONE, l’AMORE FRATERNO, la DIGNITA’: UNITI per la difesa dEI VOSTRI diritti, della LIBERTA’ e della nostra stessa identità di NAZIONE.
Buon Nuovo Anno 2022, quindi: ricordando che siano noi – con le nostre azioni e la nostra cultura – a detenere le chiavi del nostro stesso destino!
Chiavi che MAI devono essere consegnate nelle mani di alcuno!

Roma, 1° Gennaio 2022
Giuseppe Bellantonio




“Caro Dio, sono arrabbiata con te, per favore cambia il mondo” – La lettera di Nanda all’Universo

“Caro 𝗗𝗜𝗢,

𝗧𝗶 𝗽𝗿𝗲𝗴𝗼 𝗶𝗹𝗹𝘂𝗺𝗶𝗻𝗮 𝗹𝗲 𝗺𝗲𝗻𝘁𝗶 𝗱𝗶 𝗰𝗼𝗹𝗼𝗿𝗼 𝗰𝗵𝗲 𝗰𝗶 𝗴𝗼𝘃𝗲𝗿𝗻𝗮𝗻𝗼 𝗮𝗳𝗳𝗶𝗻𝗰𝗵é 𝗼𝗽𝗲𝗿𝗶𝗻𝗼 𝗽𝗲𝗿 𝗶𝗹 𝗯𝗲𝗻𝗲 𝗿𝗲𝗮𝗹𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹𝘂𝗺𝗮𝗻𝗶𝘁𝗮̀ 𝗶𝗻𝘁𝗲𝗿𝗮 𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗻𝗼𝘀𝘁𝗿𝗮 𝗴𝗿𝗮𝗻𝗱𝗲 𝗠𝗔𝗗𝗥𝗘 𝗧𝗘𝗥𝗥𝗔.

𝗚𝗿𝗮𝘇𝗶𝗲.”

Questo è il messaggio che il 23 dicembre Nanda Ubaldini ha scritto all’interno di una lettera indirizzata a Dio – Via della Creazione – numero Infinito – Universo.

Con Nanda moltissime altre persone in tutto il mondo hanno imbucato dalle loro città la stessa lettera con l’intenzione simbolica che i governi di tutto il mondo vengano illuminati dalla saggezza divina e prendano decisioni in armonia con le leggi universali di funzionamento della Vita e del Cosmo.

Nanda Ubaldini
L’ideatrice dell’iniziativa Nanda Ubaldini

Nanda Ubaldini è un nome noto nell’ambito della crescita personale e spirituale, nel 1987 ha fondato il primo Centro Olistico in Italia.

La prematura perdita della madre, l’abbandono da parte del padre, gli anni trascorsi in orfanotrofio, l’infedeltà seriale del marito, lincendio della casa, il furto dei gioielli e dellauto in cui si era rifugiata per dormire … hanno reso Nanda una persona arrabbiata con la vita, con la chiesa e con Dio. 

Di qui, un giorno di marzo del 1983, la decisione di scriverGli una lettera.

Una lettera a tutti gli effetti: imbustata, affrancata e spedita a un destinatario eccellente, al suo indirizzo sconosciuto. 

In essa Nanda esprime la sua rabbia e il bisogno di capire perché Dio abbia permesso alla Vita di accanirsi tanto duramente su di lei. 

La risposta non si fa attendere. Il giorno dopo la spedizione della sua missiva, la signora riceve una visita inattesa che cambierà per sempre la sua vita. 

Ecco che comincia la seconda parte della sua storia: quella della scoperta e della realizzazione del suo Scopo.

Data la gravità della situazione attuale Nanda ha pensato che, se ha funzionato per lei in passato, può funzionare anche oggi per il mondo intero. 

Il suo invito, ieri, era rivolto a ogni essere umano, a prescindere dalla religione di appartenenza e dal nome attribuito a Dio.

La Signora è sicura che la risposta arriverà e che sarà decisiva per risollevare le sorti di un mondo che sembra essere andato alla deriva.

Nel suo messaggio – pubblicato nei giorni scorsi sul profilo di Facebook – Nanda accenna alla grave situazione in cui versa il nostro pianeta, al costante flusso di notizie catastrofiche e contraddittorie a cui noi tutti siamo esposti, alla paura che domina l’Umanità intera.

Parla un po’ di sé e della sua Missione: dimostrare al mondo che tutto è possibile. Quindi invita i suoi lettori a scrivere una lettera a Dio. Tutti insieme, il 23 novembre 2021. 

Raggiungo Nanda per una breve chiacchierata sull’iniziativa che, da qualche giorno, sta facendo il giro del mondo.

Perché una lettera a Dio?

“Perché funziona: il pensiero è energia creatrice, così come il gesto che facciamo – l’atto di scrivere la lettera – e la materia – il foglio, la busta e il francobollo – che adoperiamo. Ce l’ha insegnato Giordano Bruno, che il pensiero è un atto creativo.

Perché proprio il 23 novembre?

Il giorno 23 è stato scelto per la sua energia calcolata da me con la geometria sacra.

Possono partecipare anche i ritardatari? Se sì, hai istruzioni da darci?

Certo! Chiunque voglia partecipare oggi o nei prossimi giorni, può farlo tranquillamente. Più siamo a chiedere, più aumentiamo le possibilità di ricevere. L’importante è avere fede nell’energia creatrice dell’Universo, qualunque nome le attribuiamo.

È semplice: si scrive la lettera, la si inserisce in una busta, la si affranca e imbuca o spedisce alle poste. Se vi chiedono se sia per l’Italia o per l’estero, rispondete pure che la state affidando all’Universo. Potete omettere il mittente, ma ricordatevi di affrancarla. Altrimenti costringete Dio a pagare la multa e non è carino.

Quali risultati possiamo aspettarci?

I governi saranno costretti a cambiare.

Prima di tutto perché si va a influire energeticamente nel campo elettromagnetico della bioenergia universale.

Poi perché, tutti insieme, possiamo mandare in tilt il sistema. Le poste, impossibilitate a gestire moltissime lettere spedite a un indirizzo ignoto, potrebbero trovarsi in grave difficoltà.

Funziona così: noi arrechiamo un danno alle poste, le poste arrecano un danno allo Stato, lo Stato se la prende con noi e noi ci rivolgiamo a Dio perché lo Stato non ci aiuta. Semplice.

Con quali ragioni sei riuscita a convincere le persone a partecipare?

Innanzitutto scrivendo una lettera a Dio non invadi le strade e non danneggi le attività commerciali, costrette a fermarsi quando passa il corteo dei manifestanti. Non prendi acqua e freddo in caso di maltempo. Lo fai da casa tua: scrivi la tua preghiera, vai in posta e la spedisci. E poi, Gandhi ha sconfitto l’impero britannico da solo, fermando l’India. Noi facciamo lo stesso mandando in tilt le poste. Non serve andare in piazza a farsi dare il foglio di via o a farsi picchiare. La nostra è una protesta concreta che non danneggia nessuno, tranne le poste. Chi ci può accusare? La chiesa non ci può attaccare, perché stiamo scrivendo a Dio. Neanche il governo può dirci nulla. La gente disperata decide di rivolgersi direttamente a Dio invece che al proprio governo. E allora?”

Il messaggio di Nanda Ubaldini è già stato tradotto in diverse lingue e ha raggiunto, tra le aree più lontane, la Cina, l’India, il Giappone e le Americhe.




Maestra Televisione

QUANDO LA TELEVISIONE EDUCAVA

La televisione dal 1954 in poi ha contribuito alla formazione e all’identità culturale degli italiani e le stesse produzioni televisive degli anni del “boom economico” hanno contribuito ad accelerare i progressi economici e sociali di quell’epoca.

La televisione di allora con molti programmi scolastici ed educativi, che parlavano di arte, di letteratura, di cultura, di editoria e di società, pur con tutti i suoi limiti, era uno strumento pedagogico e di coesione sociale.

Oggi invece, nonostante il più alto livello di istruzione e di benessere economico, si assiste a programmi di sempre più bassa qualità, che rispondono prevalentemente a dinamiche di mercato, in grado di alterarne la funzione etica e sociale. La televisione è sotto accusa, imputata di decadimento culturale, imbarbarimento sociale, impoverimento etico e distorsione educativa delle giovani generazioni.

I programmi spazzatura, gli spettacoli artefatti, falsi e ingannevoli inculcano nei giovani la convinzione di una realizzazione di sé, basata solo sull’apparenza, sull’ostentazione della bellezza estetica, sulla costante ricerca di essere ciò che gli altri vogliono e non di ciò che siamo.

Fa spettacolo, audience, la maleducazione, l’ignoranza, la povertà morale e culturale e si trasformano in modelli da imitare personaggi che non hanno valori, non hanno cultura, non hanno alcuno spessore morale.

I nostri studenti emulano esasperatamente ciò che vedono, comportandosi come replicanti degli imbarazzanti personaggi televisivi, per cercare di essere come loro.

E da “Grande fratello”, “Uomini e Donne”, “Amici”, “La Scuola” passano a film dove la violenza è la trama, con delitti, assassini e atti criminali.

Nessuno pensa che molti ragazzi vi assistano senza una coscienza critica, ma assorbendone l’aggressività che poi esplode in casa, a scuola, con gli amici, con gli adulti, con loro stessi.
Spegniamo la TV e apriamo un giornale, un libro per leggere.

Per dirla come Nicola Gratteri: “Ragazzi studiate, fottiamoli”.

 

Pio Mirra

Dirigente Scolastico




“Vita da Re”

“Vita da Re”

Correva l’anno 1990 quando trasmettevo a Radio Treviso Alfa e, tra una canzone e l’altra, inserivo lo spot di un’azienda che insegnava tecniche di memorizzazione veloce.

Tre decenni più tardi avrei saputo che nel Team di formatori del Corso dedicato al potenziamento della memoria c’era anche lui: Roberto Re.

All’epoca Roberto muoveva i primi passi nel mondo del Coaching e della Crescita Personale.

Decisivo fu il suo incontro, qualche anno più tardi, con Anthony Robbins, il Life Coach americano più famoso del mondo.

Da allora Roberto Re, direttamente formato da Robbins, ha fatto dello Sviluppo Personale la propria Mission.

Nel tempo, la sua carriera è stata un susseguirsi di successi come business, life e mental coach di noti manager, imprenditori, atleti e calciatori, allenatori di squadre di calcio, personaggi dello spettacolo, ma anche persone comuni.

Oggi è uno dei numeri uno della formazione europea.

In quasi trent’anni di attività ha al suo attivo centinaia di ore di personal coaching e migliaia di giornate in aula.

Ha creato una società specializzata in formazione e, ad oggi, detiene il primato nella realizzazione di audio, videocorsi e corsi multimediali online.

Re è anche autore di best seller e ideatore di eventi che vedono la partecipazione di Manager e Leader di importanti Aziende, in diverse città italiane.

Questa è la seconda volta che ho il piacere di intervistarlo.

A distanza di tre anni dal nostro primo incontro ci siamo presi la libertà di esplorare, aldilà dei numeri che lo hanno reso l’indiscusso punto di riferimento europeo dello Sviluppo Personale, l’anima dell’uomo: all’ombra dei riflettori, tra le pareti domestiche, nella vita di ogni giorno.

La scoperta che ho fatto è molto interessante. Vi piacerà! La video intervista è qui. 

Buon ascolto!

Ondina Wavelet (Jasmine Laurenti)

(Foto di Umberto Santos)

 

 




Simone Facchinetti: eroe d’altri tempi, eroe del futuro.

Il 2 dicembre 1971 veniva sancita la federazione tra sette emirati nello Stato degli Emirati Arabi Uniti.

Cinquant’anni dopo, in occasione dell’EXPO 2020 a Dubai, il mondo intero può toccare con mano i princìpi che ispirano e contraddistinguono questa realtà: E.A.U.

Leggendo l’acronimo, la mia mente mi riporta all’elemento acqua: “acqua”, in Francese, si scrive proprio così (“eau”)!

Acqua: l’elemento che ci accomuna – i nostri corpi sono composti per circa il 75% di acqua – e ci connette gli uni agli altri apportando nuova vita.

Acqua che fluisce e non si ferma. Acqua che, nel rispetto dell’ambiente che la ospita, si adatta e cambia pur rimanendo la stessa.

Quale altra metafora potrebbe riassumere, in modo potente, lo spirito che anima il giovanissimo Stato?

L’Avvocato Simone Facchinetti, amico e graditissimo ospite del Soul Talk, ne incarna perfettamente i valori e … udite udite, festeggia il suo compleanno il 2 dicembre!

La sua mission è costruire “ponti” di collegamento tra Occidente e Oriente riconoscendo, valorizzando e aiutando start up italiane a trovare proficui sbocchi negli Emirati Arabi Uniti.

Il suo apporto si rivela fondamentale nel reperire fondi, segnalare nuove opportunità, facilitare la realizzazione di progetti innovativi e sostenibili, mirati alla creazione di nuovi posti di lavoro.

In Simone convivono l’innata Curiosità, l’inesauribile spinta a esplorare nuovi mondi e nuove possibilità, la Creatività, l’Entusiasmo bambino disciplinato dall’esperienza e dalla maturità, la Gioia di sperimentare, la Confidenza, l’Armonia, l’Empatia di chi si rispecchia nell’Altro per comprenderlo, amarlo nella sua diversità e aiutarlo.

Questi Valori – sempre più rari, preziosi e distintivi – poggiano sulle tre inamovibili Colonne dell’Etica, della Correttezza e della Trasparenza.

A proposito di anniversari: lo Studio Legale Simone Facchinetti quest’anno celebra il suo ventesimo anno d’attività e il quinto anno consecutivo di assegnazione del premio “Le Fonti” come Boutique Legale d’eccellenza nei rapporti internazionali tra Italia e Medio Oriente.

Nel corso dell’intervista – che definirei piuttosto piacevole “chiacchierata” – abbiamo parlato di Mission, di Valori, della Vita come “Viaggio dell’Eroe” costellato da tanti viaggi, quante sono le opportunità che cogliamo di esprimere e donare Chi noi siamo.

Per i Valori che lo ispirano Simone è un Uomo d’altri tempi, ma il suo sguardo è rivolto a un futuro da costruire, assieme al suo Team, sulle fondamenta dell’Innovazione, della Ricerca, dell’ordinamento giuridico a trecentosessanta gradi.

Un ringraziamento speciale va a Christian Gaston Illan e alla sua splendida compagna Maria Giulia Linfante, che ci ha fatti incontrare!

Christian e Maria Giulia sono gli ideatori e fondatori dello “Smart Villag[g]e Cloud”, virtuosa chat in cui imprenditori, artisti e nuovi amici condividono esperienze, iniziative e successi.

Il Soul Talk con Simone Facchinetti è qui.

Buon ascolto e alla prossima!

La vostra Ondina Wavelet (Jasmine Laurenti).

 

 

 

 

 

 

 




No Vax, etica differenziale…

La campagna vaccinale prosegue ed i contagi sembrano ormai diminuire.

La tanto teorizzata immunità di gregge sta guadagnando terreno diventando un certezza sulla quale rilanciare l’economia post pandemica.

Eppure il dibattito che infiamma la scena pubblica, in questi giorni, guarda con preoccupazione all’obbligo vaccinale ed alla raccolta firme promossa dal coordinamento dei “no-vax”per un referendum abrogativo delle norme relative al greenpass.

La divisione degli italiani sulla vicenda pandemica sembra aver raggiunto una dimensione inedita.

Lo avevamo predetto ma non occorre ricordarlo.

In questa sede è, forse, più importante fare il punto sulla campagna referendaria in corso che emancipa le rivendicazioni di parte della comunità civile in rivolta ben distanti dal paradigma del “bene comune” da sempre evocato dalle democrazie occidentali.

Siamo di fronte ad una opposizione strutturata alle decisioni  assunte dal Governo in carica, che sono sostenute da una maggioranza parlamentare senza precedenti.

Lo scollamento tra la Politica ed il Paese reale è sotto gli occhi di tutti.

Purtroppo vale la pena di ricordare che la vaccinazione non impedisce i contagi ma sembrerebbe contenere le ospedalizzazioni, il lavoro dei reparti di rianimazione e mantenere a livelli adeguati il sistema di prevenzione e di cure per le altre patologie.

Il rifiuto del vaccino in in paese che è prossimo al 90% di somministrazioni veste la divisa della disobbedienza civile ed infrange i totem del liberalismo classico: “la mia libertà finisce dove inizia quella del mio vicino”.

I “no-vax” sembrano aver dimenticato queste regole e appare ormai evidente che sono le adesioni alla campagna vaccinale che hanno ridimensionato la circolazione del virus, non le proteste in piazza.

Costoro non sembrano ricordare che se le unità ospedaliere sono tornate a curare tutte le patologie gravi e non solo l’infezione da Covid 19 è perché la popolazione vaccinata ha reso la diffusione del virus meno agevole.

Il greenpass e l’idea di una prossima condizione di obbligatorietà nella campagna vaccinale non piacciono a nessuno e restano iniziative della quale si ricorderà il forte impatto sulle libertà individuali dei cittadini.

Anche perché non è da escludere che, le attuali cifre sulla popolazione coperta dal vaccino, siano sufficienti per mettere in atto una strategia  vincente che integri  i tamponi molecolari, le nuove terapie domiciliari, e la distribuzione dei nuovi farmaci  efficaci per la cura delle infezioni da virus.

La questione in questo caso potrebbe ritenersi risolta e i non vaccinati potrebbero restare tali.

Il problema a questo punto è prendere coscienza del fatto che il paese di fronte alle emergenze sanitarie non possa poter contare su un fronte civile coeso.

Ma c’è dell’altro.

I milioni di cittadini che hanno accettato la campagna vaccinale per il bene di tutti non possono essere considerati degli idioti.

Costoro dovranno poter contare su una maggiore attenzione dello Stato con modalità da approfondire e che potrebbero riguardare le graduatorie nei concorsi pubblici, le regole per le nuove assunzioni fino a forme di agevolazione previdenziale.

Il Covid19 purtroppo non ha soltanto seminato morte e paura.

Ha rubato ad ogni generazione il sogno, la prospettiva di un futuro ed ha colpito le fondamenta democratiche degli Stati e il sistema di convivenza civile.

Occorre recuperare al più presto l’idea di uno Stato giusto ed equo capace di governare la complessità.

La pandemia per dirla con le parole del filosofo Edgar Morin ci ha insegnato che l’imprevedibile è un fattore con il quale dobbiamo tornare a fare i conti.

Un monito che ricolloca al centro dell’idea di progresso l’Uomo con le sue debolezze.

Un richiamo all’Etica ed alla responsabilità  individuale per tutti noi.

 

 

La redazione di Betapress




“I Numeri del Successo” con Massimo Tonci

Galeotto fu il “Corso …

… di Fuffologia”, come lo definisce Massimo. In realtà, di quell’avventura formativa a me rimane soltanto il ricordo di un incontro con il mio “Traghettatore”.

Quel mattino di marzo – o aprile – del 2016 mi ero svegliata con l’idea di cambiare casa, città, nazione. A distanza di cinque anni, ancora non conosco il motivo della mia strana, improvvisa scelta.

Sta di fatto che, da quel momento, ogni mio pensiero e ogni mia azione avevano un unico, ambizioso traguardo: andare a vivere altrove e ricominciare la mia vita da capo.

Mi fu subito chiaro che un Viaggio dell’Eroe stava incominciando. La meta mi era chiara: dovevo individuare le risorse necessarie per rispondere a quella misteriosa Chiamata.

Così ne parlai con Carmen, la mia bionda compagna di corso. Lei non ebbe un secondo di esitazione: sapeva esattamente chi avrebbe potuto aiutarmi. Di lì a pochi istanti mi presentò il suo fidanzato: Massimo Tonci.

Quell’incontro fu, di fatto, il mio primo appuntamento col Destino dopo tanto, troppo tempo.

 

Una lista di (buone) azioni.

Non c’è nulla di più rassicurante, in tempi di grande cambiamento, di una “To do list”: un elenco di azioni in ordine di priorità, dalla più grande alla più piccola, quando il tempo e lo spazio – illusorie dimensioni – si fanno particolarmente”densi”.

Carmen aveva ragione: Max era lo sherpa ideale per accompagnarmi, oltre il Ticino, nella mia terra promessa.

Ne è passata di acqua, dalla nostra “ultima cena”: proprio alla vigilia del periodo più sfidante della nostra storia, avevo condiviso il Progetto di Ondina con Carmen e Max. E mentre noi donne facevamo aperitivo a base di finger food e Bollicine D.O.C., Massimo gestiva con maestria il cibo, la cucina e le tempistiche di preparazione.

Vi confermo quindi che, oltre a essere un ottimo Coach, Max è anche un cuoco sopraffino.

Ma  torniamo ai nostri giorni.

 

Dammi il tuo Piano, che lo faccio a pezzi!

Per Max, quella del “Coach” è una vera e propria vocazione.

Significa osservare quello che il cliente fa già bene, offrendogli utili spunti per migliorare radicalmente la sua performance.

La Mission Possible di Max è rendere le cose semplici. Questo è il suo Brand … il suo punto di forza!

La semplicità, per lui, è il traguardo di un processo che mira all’eccellenza.

Ed ecco come fa: prende il tuo piano, lo smonta in piccoli pezzi … Poi li rimette insieme in modo ottimale per farlo funzionare a dovere.

Ed ecco il piano dettagliato che ha tutti i numeri per vincere: tiene conto di quello che farai quando avrai raggiunto la tua vetta e delle azioni da compiere ogni giorno con costanza, durante la scalata verso il successo. L’importante è che tu sia disposto a pagarne il prezzo.

 

I miei primi Mille …

Capita a tutti, prima o poi, di ricevere la fatidica “Chiamata” e anche Max ha avuto la sua.

Da fabbricante di F24, in veste di Commercialista, dava i numeri a chi glieli chiedeva.

Un giorno, però, si è accorto di essere stanco di presentare ai suoi clienti solo conti da pagare.

Con un piano dettagliato per aiutare mille imprenditori, Max è partito alla conquista del suo ruolo di Coach*.

Oggi, vicino all’ambizioso traguardo, già pensa al suo prossimo Viaggio.

Il suo cavallo di battaglia è “K.I.S.S.”, che non sta per bacio, né per l’omonima rock band: è l’acronimo di “Keep It Stupid Simple”, ovvero “Rimani nello stupidamente semplice” (traduzione letterale che non rende il significato originale, ma tant’è).

*Ponendo domande intelligenti, mirate, “giuste”, Massimo stimola i suoi coachée a trovare le loro Risposte!

Sommario

Nel corso della nostra chiacchierata abbiamo toccato argomenti interessanti come:

  • le parole come fonti di pensieri e convinzioni limitanti;
  • l’abbondanza di informazioni e tecnologia, e l’utilità di un coach che ci aiuti a focalizzarci su ciò che è davvero importante per noi;
  • l’importanza di imparare a governare e “leggere” i numeri, per gestire la crescita della nostra attività;
  • il denaro come energia allo stato puro, mezzo neutro per raggiungere i nostri obiettivi, lente di ingrandimento che enfatizza le qualità (buone o meno buone) di chi lo possiede;
  • il “problema” che blocca ed è causa di mancanza di conoscenza;
  • il “problema” che rallenta la nostra corsa e rappresenta una sfida evolutiva;
  • i bias cognitivi: le scorciatoie compiute dal nostro cervello per arrivare a conclusioni molto spesso fuorvianti;
  • il sistema di attivazione reticolare;
  • l’importanza delle convinzioni nel determinare la nostra percezione della realtà: “Se torturi i numeri abbastanza a lungo, confesseranno qualsiasi cosa”;
  • lo story telling profetico;
  • l’importanza dell’acquisizione di un mindset funzionale alla crescita, anche e soprattutto nei periodi di “crisi”;
  • l’importanza di riconoscere e perdonarsi gli errori compiuti (dopotutto, siamo umani!): solo così potremo smettere di preoccuparci, per cominciare ad occuparci delle cose;
  • l’utilità di non disperdere le energie lottando contro qualcosa o qualcuno: molto meglio focalizzarsi sulla creazione di qualcosa di nuovo e di meraviglioso (l’aggiunta è mia, non ho resistito);
  • i periodi bui li attraversiamo tutti, prima o poi: ma se siamo supportati da buoni amici e amati da persone a noi care, con un po’ di fortuna ci possiamo riprendere!
  • l’importanza di leggere le biografie di chi non ce l’ha fatta: è da loro che possiamo apprendere gli errori da evitare. D’altra parte, è impossibile replicare il contesto storico, geografico ed economico dell’uno su mille che ce l’ha fatta (per non parlare del fattore C…);
  • un più saggio uso del tempo;
  • l’importanza della perseveranza ancor più che dell’intelligenza, nel fare di noi persone di successo;
  • la saggezza del rinunciare ad avere ragione, pur di stare bene.

Per ora è tutto, Eroi.

L’intervista in video su Tele Ondina è qui.

La versione in podcast su Radio Ondina è qui.

Alla prossima avventura!

LOve,

la vostra Ondina Wavelet (JL)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Perché gli Angeli non muoiano mai.

Esattamente un anno fa, come ieri, Carlo e Veronica, due splendidi ragazzi, rispettivamente 19 e 16 anni, due fratelli, morivano, in contemporanea, in un assurdo incidente in moto.

Assurdo, perché era una giornata di cielo limpido, la strada era un rettilineo, davanti a loro un furgone bianco si era regolarmente fermato per girare e i due fratelli, sulla stessa moto, sobri e con il casco, si sono schiantati, ribaltandosi nell’altra corsia, dove stava arrivando un veicolo che se li è trovati addosso.

Nessun pirata della strada, nessun test tossicologico positivo, nessun disagio giovanile da esorcizzare in corse sfrenate.

Carlo e Veronica sono stati entrambi miei alunni, li conoscevo bene.

Un inno alla vita, sempre sorridenti, generosi, entusiasti.

Sempre responsabili, giudiziosi, maturi nella loro giovane età.

Un destino beffardo ha fermato il loro cuore per sempre il 10 settembre 2020.

Giuseppe e katiuscia, i loro genitori, di fronte a questa tragedia, inimmaginabile nella testa e nel cuore di chiunque provi a pensarci, figurarsi a viverla, avevano di fronte un bivio.

O morire con i loro figli, lasciandosi andare ad una vita per sempre vuota e priva di senso.

O rinascere con i loro figli, vivendo all’ennesima potenza, in una vita per sempre piena di valori e densa di significato.

Giuseppe e Katiuscia, un uomo e una donna, come tanti, accomunati dal loro indicibile dolore, dal giorno dopo la morte dei loro figli, hanno scelto la sfida di rimanere in vita, rinascendo una seconda volta.

Giuseppe e katiuscia, i genitori, sono stati ripartoriti alla vita, da Carlo e Veronica, i loro figli.

Giuseppe e Katiuscia, giorno dopo giorno, stanno vincendo la morte dei loro figli, perché ne celebrano la vita, dando prova di eroico coraggio, di generoso impegno sociale, di testimonianza umana e cristiana.

Giuseppe e Katiuscia hanno resi eterni i loro Angeli rendendoli i protettori di una associazione, la CV Soccorso-Odv Carlo e Veronica il loro dono è la speranza ( info@cvsoccorso. it-https://cvsoccorso.it/)

Giuseppe e Katiuscia hanno calamitato le energie positive di una comunità locale che si sta allargando a macchia d’olio, diventando rete nazionale.

Giuseppe e Katiuscia testimoniano che il futuro di chi resta è un’opportunità per la solidarietà.

Giuseppe e Katiuscia sono una testimonianza vivente di vita oltre la vita.

Giuseppe e Katiuscia come tanti veri eroi normali, che la vita mette a durissima prova, sanno resistere e continuare.

Concretamente, questi due genitori, volevano comprare un’ambulanza dedicata ai loro figli.

Nel frattempo, però, hanno riunito e formato volontari per il soccorso ed insieme, hanno creato l’associazione, che continua a crescere.

In una gara di generosità di tempo e di solidarietà di intenti sono anche partiti i lavori del Comune per la nuova sede di CVSoccorso in Via Bermani a Casalbeltrame ed è nata l’idea di un luogo aperto, pronto ad accogliere curare, consolare, come lo è stato il cuore di Katiuscia e Giuseppe, uno splendido esempio di umanità.

Si dice che ogni lungo viaggio inizia, sempre, con un primo passo.

Bene, il loro esempio ha contagiato attività ed aziende locali, provinciali, ora regionali, che promuovono l’iniziativa e favoriscono il tesseramento (tessera di socio sostenitore a 10 euro all’anno).

Non solo, l’esempio di Giuseppe e katiuscia ha creato una community nazionale, vedi pagina Facebook ed Instagram, ma ha anche stimolato nuove iniziative sportive, culturali, musicali.

Per esempio, Giulia e Samuele, due giovani, nome d’arte “Impvlso”, hanno avuto la fortuna di essere parte della breve, ma intensa vita di Carlo e Veronica.

L’impronta che portano dentro di loro è enorme, e così hanno deciso di mantenerne vivo il ricordo a modo loro, sì, perché Giulia e Samuele, oltre che ad essere veri amici dei nostri Angeli, sono anche due artisti di talento.

Già lo scorso anno Impvlso, aveva scritto di getto, col cuore ancora infranto dalla grave perdita, la canzone “Angels”, dedicata a Carlo e Veronica, che potrete vedere in questo link https://youtu.be/BYwRwJlrhOg .

A questo toccante brano si è aggiunto il frutto di una nuova amicizia, quella tra Samuele e Giulia, che ha generato il brano che si intitola “Forza Maggiore” i cui proventi andranno all’associazione

https://www.amazon.it/…/ref=cm_sw_r_cp_apa_glt…

 

Un progetto, un’amicizia vera, tra Giulia di Novara, e Samuele di Valledoria luogo di villeggiatura in Sardegna della famiglia Di Bernardo.

Il brano è intenso, le sonorità moderne e avvolgenti, il testo scritto in maniera emotiva e coinvolgente parla di famiglia, una famiglia magnifica che ha in Katiuscia e Giuseppe le vere colonne portanti.

Un altro esempio è quello accaduto ieri sera.

La famiglia Di Bernardo, ha fortemente voluto una commemorazione di Carlo e Veronica a Casalbeltrame, in provincia di Novara.

Al termine della messa nella Chiesa Parrocchiale, si è svolto una serata all’aperto, nel cortile del Museo Etnografico dell’attrezzo agricolo ‘L çivel”.

La Comunità Pastorale Novarese, il comune di Casalbeltrame, l’Associazione CVSoccorso-ODV ed il generoso contributo per il rinfresco offerto da Pane, Amore, Poderia, prestigioso locale del territorio, hanno creato una serata speciale, un’overdose di amore, un’opportunità per stare insieme e ricordare i due ragazzi, certo con commozione, ma anche con consapevolezza.

Ebbene, ieri sera tra i presenti, c’erano persone di tutta Italia, amici accorsi da Bergamo a Caserta.

l’Italia, quella che ha un cuore e lo sa ancora usare, si è ritrovata a Casalbeltrame, per ricordare due giovani che, se anche, materialmente, non sono più con noi, spiritualmente, abitano nei nostri cuori.

Il loro amore immenso ci ha reso tutti migliori, tutti solidali in un progetto che domani sarà realtà, C.V. SOCCORSO, è il loro futuro utile.

Ieri sera, c’eravamo anche noi di betapress, e ci siamo presi un impegno editoriale.

Ci siamo impegnati a scrivere e pubblicare un libro dedicato a Carlo e Veronica, un libro voluto dai genitori Giuseppe e Katiuscia, per rendere immortale il ricordo dei loro figli e per contribuire alla raccolta fondi.

Un libro testimonianza per ricordare, ma anche un progetto editoriale che diventa un impegno concreto per continuare una missione, quella di essere migliori.