image_pdfimage_print

 

Come redazione di betapress lo abbiamo chiesto a Barbara Suigo, autrice del manuale, Interviste Carismatiche – come fare delle interviste carismatiche e far crescere la tua reputazione digitale”, che è il primo libro di una trilogia – unica, attualmente in Italia – interamente dedicata al carisma, se si è o si diventa carismatici?

Pensavamo fosse facile avere una risposta, ma ci si è aperto un mondo.

Come? Vediamolo insieme.

Betapress– Dott.ssa Suigo, per i nostri lettori, un ‘esperta di comunicazione come Lei, di che cosa si occupa precisamente?

Suigo– Conseguita la Laurea in Lingue e Comunicazioni, ho lavorato per aziende italiane ed estere occupandomi, sostanzialmente, di gestire il flusso della comunicazione, in entrata ed in uscita.

Nel tempo, ho approfondito l’intelligenza linguistica, una disciplina strategica ai fini dell’eccellenza nella comunicazione, eppure ancora così poco esplorata anche tra i Communication Manager anche affermati.

Mi sono inoltre dedicata anche alla formazione in ambito di soft skills, ovvero tutte quelle competenze trasversali definite “soft” che chiamano in causa gli strumenti dell’intelligenza linguistica, di quella emotiva, sociale e relazionale, perché la comunicazione con l’altro possa essere efficace, armoniosa, persuasiva e rispettosa. 

Betapress– Nel suo libro parla di Arte del Carisma. Di cosa si tratta?

Suigo-La mia passione per l’intelligenza linguistica mi ha portato, negli anni, ad interessarmi all’Arte del Carisma, un tema che, diversamente dal mondo anglofono, non è stato ancora così ben esplorato in Italia.

Il carisma, infatti, viene spesso confuso con lo stile, con il fascino e con il fare colpo: nulla di tutto ciò.

Betapress– Lei parla di Intelligenza Linguistica. Cosa significa e cosa ci insegna?

SuigoLa prima cosa che l’intelligenza linguistica ci insegna è che essenziale andare a ricercare il significato delle parole, la loro etimologia e la loro radice più profonda perché le parole, per citare il celeberrimo Sigmund Freud: “… erano originariamente incantesimi, e la parola ha conservato ancora oggi molto del suo antico potere magico… Le parole suscitano affetti e sono il mezzo generale con cui gli uomini si influenzano reciprocamente…”.

Siamo dunque in un territorio magico e potente: quello delle parole.

 

Betapress– Allora qual è l’etimologia della parola Carisma?

Suigo– Il carisma deriva dal greco “cháris” che sta ad indicare un dono, una grazia, una parola dunque preziosa che andrebbe custodita ed usata con ponderazione, con cura, con discernimento.

Il carisma è quindi un dono di grazia.

Chi lo possiede è in grado di modificare positivamente l’ambiente, portando una vera e propria trasformazione in un’ottica virtuosa, creando intorno a sé una sorta di “campo”; campo in cui si crea condivisione di alti valori comuni, campo in cui nasce risonanza fra il portatore del “dono” e coloro che ruotano nel suo perimetro, più o meno ampio.

Betapress– Qual è il rapporto tra carisma e valori?

SuigoCarisma e valori, dunque, vanno a braccetto, valori tra cui spicca l’integrità della persona e il suo sapersi mettere letteralmente al servizio dell’altro.

Esattamente quello che fecero persone come Gandhi, Nelson Mandela, Martin Luther King, Madre Teresa, canonizzata poi in Santa Teresa di Calcutta.

Sono loro i grandi simboli universali del carisma.

 

BetapressUn uomo di valore che domande si pone per essere carismatico?

Suigo– Robert Dilts, uno fra i più grandi esperti di carisma al mondo, afferma: “I santi hanno qualcosa da insegnare anche alle aziende: la storia, infatti, dimostra che i santi incarnano un valore che, oggi, è trascurato da molti manager, ed è la dedizione ad un fine più alto dei propri interessi personali.

I leader spirituali, infatti, non puntano ai risultati di breve termine oppure ai vantaggi contingenti. Sono spinti da una visione che guarda lontano, una visione che risponde a domande superiori quali “Che contributo voglio dare al mio gruppo, alla comunità, al mondo intero?” oppure “Quale eredità voglio lasciare?””

(nota: le parole sono tratte dall’intervista di Raul Alvarez a Robert Dilts, sulla rivista Media Key: https://www.mediakey.tv/fileadmin/assets/img/MK283/MK283-ROBERT_DILTS.pdf).

 

Betapress– Allora chi è un leader carismatico?

Suigo– Partendo da queste riflessioni che chiamano in causa una scala di valori di altissimo livello, mi sono dunque chiesta se l’utilizzo della definizione di “leader carismatico” per un manager, fosse realmente appropriata o se bastasse, semplicemente, definirlo leader, sulla scorta della riflessione di Philip Kotler: “Molti ritengono che i leader debbano avere carisma. Tuttavia, per essere efficaci non occorre carisma. Molti grandi leader non si affannano a costruirsi un’immagine carismatica; sono amabili, spesso semplici, e mostrano un reale interesse per clienti e dipendenti”.

 

La mia esperienza professionale diretta, a contatto con diversi manager con cui ho collaborato, è andata, invece, in una direzione diametralmente opposta e contraria a tutto ciò: ho spesso avuto a che fare con i cosiddetti “ leader dissonanti” – per citare Daniel Goleman, il padrino dell’intelligenza emotiva – manager contrassegnati dall’incapacità di gestire il flusso delle proprie emozioni che confluivano in subitanei scatti d’ira senza controllo, con accuse ad hominem nelle quali veniva toccata e pesantemente violata l’identità della persona, uno fra gli errori più comuni e, contestualmente, gravi e fuorvianti che ho visto commettere.

 

Più approfondivo i miei studi e le mie ricerche, più scoprivo che il “leader dissonante” – e dunque nulla carismatico – era una figura molto presente e radicata in tante realtà aziendali, causa primaria di disagio, insoddisfazione e sofferenza.

 

Mi sono dunque messa alla ricerca di grandi manager che, contrariamente al dire comune, cantassero fuori dal coro e fossero, essi stessi, gli esempi viventi di quella scala di valori a cui accennava Robert Dilts, parlando di “santi e manager”.

 

Betapress– Quali Leader carismatici ha incontrato?

Suigo– Ho così fatto l’incontro sincronico con Marco Pesaresi (allora Direttore Commerciale di Coca Cola Italia, ora Direttore Generale di Ferrarelle) e di Marco Mossuto, attuale Direttore HR del famoso cioccolatificio Lindt.

Il loro garbo estremo, la loro gentilezza nell’eloquio e la loro indiscussa umiltà ed umanità mi hanno portata a indagare questi tratti carismatici e a chiedere loro di farsi intervistare, in un’intervista che fosse, tuttavia, molto lontana dall’ordinario, che nemmeno toccasse gli argomenti consuetudinari per i quali un grande manager viene normalmente intervistato, ma che mettesse al centro della loro managerialità i loro valori, il loro mettersi al servizio dell’altro, la loro integrità e di come tutto questo impattasse positivamente nelle aziende presso le quali operavano.

 

Da lì in poi, ho fatto una serie di altri incontri con manager portatori dei valori del carisma: Giampaolo Grossi (General Manager Starbucks Italia), William Griffini (CEO Carter & Benson), Antoine Mangona (CEO SAATI), Sergio Borra (CEO Dale Carnegie Italia), Marcello Mancini (CEO Performance Strategies), Milena de Padova (HR Director Regal Beloit Italy) ed altri virtuosi capi di impresa e pensatori di spessore le cui interviste sono visibili sul canale YouTube chiamato “The School of Charisma”.

 

Betapress– Dott.ssa Suigo, questa è la genesi del suo libro?

Suigo– Sì, da queste interviste che hanno riscosso un certo apprezzamento, in primis, dagli intervistati stessi per la modalità con le quali sono state realizzate, nasce dunque l’idea, proposta da Wide Edizioni, di scrivere un manuale, “Interviste Carismatiche – come fare delle interviste carismatiche e far crescere la tua reputazione digitale”, che è il primo libro di una trilogia – unica, attualmente in Italia – interamente dedicata al carisma.

Betapress– E le finalità del libro, quali sono?

Suigo– Interviste Carismatiche” (https://amzn.to/3jTKuX0) nasce dunque, come dicevo, dall’apprezzamento ricevuto, prima di tutto, dagli intervistati stessi, alcuni dei quali hanno definito la preparazione all’intervista un momento di riflessione profonda.

 

Betapress– Dott.ssa Suigo, che cosa avevano, di diverso dalle altre, queste interviste che questi Manager le avevano rilasciato?

 

Suigo– In primo luogo, come già accennato, ho deliberatamente chiesto loro di spostare il focus dalle loro competenze manageriali ai loro valori umani che diventavano, dunque, fondanti e centrali e che fossero questi i veri protagonisti del loro successo.

Questo spostamento del baricentro ha obbligato entrambi (me e loro) a formulare, da una parte, una serie di domande che fossero completamente diverse rispetto a quelle che di solito venivano fatte loro, mettendo dunque i miei intervistati nella condizione di aprirsi ai loro valori più profondi, pur mantenendo un’elevatissima misura della loro professionalità.

 

In secondo luogo, per realizzare delle “interviste carismatiche” che facessero la differenza rispetto al mare magno di interviste circolanti su YouTube, ho studiato e, successivamente, utilizzato, le strategie di quei grandi intervistatori che lo fanno su scala mondiale e con un successo senza precedenti: Oprah Winfrey, per esempio. Un’intervista, infatti, perché acquisti valore, dev’essere un momento di scambio intenso tra l’intervistato e l’intervistatore, una sorta di danza a due, laddove l’intervistatore, esattamente come insegna la grande Oprah, saprà abilmente mettere in campo una serie di strumenti che vanno dal tono della voce, alla postura, all’ascolto e allo sguardo carismatico, passando dalla magia della scelta delle parole giuste.

Senza dimenticare l’abbigliamento e l’ambientazione fisica in cui si svolge l’intervista.

BetapressIl libro si propone come un manuale, perché?

Suigo– Manuale perché offre un insieme di strategie mutuate alla psicologia, all’intelligenza linguistica ed a tutti miei studi fatti in tema di comunicazione efficace, per ottenere un’intervista unica, con degli intervistati entusiasti e di altissima levatura umana e professionale e, in ultimo, con un investimento minimo in termini di tecnologia e infrastrutture.

 

Beh, allora, cari lettori, scusate se è poco…

Per fortuna che, noi di betapress, volevamo solo saper se il carisma è un dono di natura o di cultura…

Le sorprese di Barbara Suigo (e del suo carisma!) non sono finite qui.

Allora, appuntamento alla prossima, perché, finora non abbiamo ancora capito se carismatici si nasce o si diventa…

 

 

1 thought on “Carismi anche tu?

Rispondi

potresti aver perso

WP to LinkedIn Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: