“Progetto lettura” … e comunque le buone maniere iniziano sempre in famiglia

image_pdfimage_print

Giovani e meno giovani continuamente immersi in un mondo virtuale parallelo con diversi tipi di dispositivi digitali.

In sala d’attesa, in autobus, in treno non c’è chi legge un libro o un quotidiano, ormai sulla via dell’estinzione.

Tutti a digitare su un onnipresente schermo.

E i più piccoli?

Abbandonati soldatini, bambole e automobiline, occhi puntati rigidamente sul display del cellulare di papà o mamma … almeno è tranquillo!
Tutti per un motivo o per un altro, tra WhatsApp, Instagram e Telegram, rapiti dal cellulare.

Il tempo per una buona lettura non c’è più.

Eppure la cultura, i valori di una società sono trasmessi in gran parte attraverso i libri.

Perché la lettura stimola una forte immaginazione per creare significato alle varie vicende.

Storie di personaggi reali o inventati danno la possibilità al lettore di decifrare un contesto di vita o immedesimarsi in un’esperienza non ancora vissuta.

Tutto questo arricchisce il bagaglio personale ed emozionale di ciascuno e sviluppa empatia ossia la capacità di percepire i vari stati d’animo: leggere, analizzare, capirne il messaggio o significato che l’autore vuole trasmettere, sentirne l’utilità e sopratutto discuterne insieme.

La lettura inoltre favorisce un discorso interiore per arricchire i propri valori.

Perché saper leggere significa soprattutto comprendere lo stato d’animo dei protagonisti del racconto, perché è su questo che si basa la loro capacità di scelta e decisione.

Ciò che avviene mentre si legge è la capacità di rendersi più consapevoli di chi siamo, cosa desideriamo, cosa ci addolora e cosa ci rende felici.

L’esperienza appresa attraverso i vari brani permette di originare un senso critico per le scelte fatte o che si andranno a fare.

E allora, mentre dilagano le persone con lo smartphone perennemente tra le mani, promuoviamo la lettura a casa e a scuola, perché leggere apre la mente a nuovi modi di pensare e agire, permette di staccare i pensieri dai propri problemi per qualche ora e crea uno stato di rilassamento mentale.

Allora prendiamo un libro, e dedichiamo qualche ora a noi stessi.

 

Pio Mirra, Ds IISS Pavoncelli Cerignola (FG)

Rispondi

potresti aver perso

La sostanza chimica chiamata Sildenafil nel gel di Kamagra riduce l'azione dei cinque enzimi
WP to LinkedIn Auto Publish Powered By : XYZScripts.com